Icardi ancora decisivo: l'Inter espugna il Mazza, la Spal si arrende 2-1

L'Inter centra la quinta vittoria stagionale in campionato, vincendo per 2-1 sul campo della Spal grazie ad una doppietta del solito Mauro Icardi. Per i padroni di casa Antenucci sbaglia un rigore

L'Inter non sbaglia al Paolo Mazza e supera per 2-1 la Spal nel posticipo dell'ottava giornata di Serie A. I nerazzurri salgono così al terzo posto in classifica con 16 punti, trascinati dalla doppietta di Mauro Icardi, a segno al 16' e al 78', in mezzo il momentaneo pari di Paloschi al 72'. Da sottolineare anche come i padroni di casa abbiano sbagliato un rigore con Antenucci al 18', sullo 0-1.

LA PARTITA - Sul fronte formazioni ufficiali, Leonardo Semplici si affida al 3-5-2. In mezzo al campo, al posto dell'infortunato Kurtic, c'è Valoti. La coppia d'attacco, invece, è composta da Petagna e Antenucci, che vince il ballottaggio con Paloschi. Sulle fasce agiscono Lazzari e Fares. Dall'altra parte Luciano Spalletti, alla vigilia del match, ha perso Marcelo Brozovic per una distrazione muscolare. Al suo posto gioca Borja Valero, con Icardi al centro dell'attacco supportato da Keita, Nainggolan e Perisic. In difesa torna dal 1' Vrsaljko dopo l'infortunio al ginocchio subito con la Nazionale a settembre.

SBLOCCA ICARDI, ANTENUCCI SBAGLIA UN RIGORE

Il match inizia subito su ritmi molto alti e con l'Inter che sblocca il match al 14': Vrsaljko al cross dalla destra per Icardi che colpisce di testa, il pallone tocca la mano di Djourou che spiazza Gomis per il gol dell'1-0. E se sia gol di Icardi o autorete ci pensa la Lega, assegnando la rete all'argentino. La Spal, come se nulla fosse, reagisce immediatamente, procurandosi al 17' un rigore per un fallo di Miranda su Felipe. Dal dischetto però Antenucci angola troppo il suo destro, Handanovic resta fermo sulla linea ma il pallone va fuori. Il match resta bello con azioni da una parte e dall'altra. Al 28' è Gomis a salvare tutto con Keita a tu per tu, così come al 40' Cionek salva a pochi passi dalla linea un colpo di testa di Vecino, anticipando anche Icardi. Ma al 44' è Handanovic dall'altra parte ad esaltarsi, prima con un "miracolo" sul colpo di testa a botta sicura di Felipe, poi sul proseguimento dell'azione alzando in corner la botta di Valoti. Primo tempo che si chiude con l'Inter avanti.

SECONDO TEMPO, PAREGGIA PALOSCHI

Il secondo tempo si apre senza cambi e con una Spal che attacca a testa bassa, guadagnando anche una serie di calci d'angolo. Il match sale ancora dal punto di vista agonistico, con l'arbitro Maresca costretto in pochi minuti ad ammonire nell'ordine Valoti, Vrsaljko e Missiroli. L'Inter è troppo remissiva e viene ancora "graziata" al 63' da Petagna, con l'attaccante di casa che sciupa una clamorosa palla goal, mandando fuori col sinistro dall'altezza dell'area piccola, dopo un'incertezza della difesa nerazzurra. Al minuto 66' arrivano i primi cambi: Paloschi per Antenucci nella Spal, Politano per Keita nell'Inter. Al 72' arriva il meritato pareggio della Spal: cross da sinistra di Fares con Skriniar che non riesce ad arrivare, proprio Paloschi anticipa nettamente Miranda e batte Handanovic.

ICARDI RIPORTA AVANTI L'INTER

Dopo aver sofferto a lungo e subito il pareggio (Spalletti manda in campo Lautaro Martinez per Borja Valero), l'Inter si riporta in attacco e con Icardi al 78' ritrova il vantaggio: assist filtrante di Perisic, il capitano dell'Inter non sbaglia a tu per tu con Gomis e gonfia la rete per la seconda volta. Il finale di partita è molto concitato, con la Spal che assedia la metà campo interista. Nei cinque minuti di recupero Politano sfiora anche il 3-1 per l'Inter, ma finisce così. Icardi è ancora decisivo per le sorti nerazzurre.

INFO SERIE A E COPPA ITALIA 2018-2019

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2018-2019

CLASSIFICA SERIE A - RISULTATI SERIE A

CALENDARIO E ACCOPPIAMENTI COPPA ITALIA 2018/2019



News correlate

Torna su