Colpaccio Foggia in casa del Palermo: secondo ko consecutivo per i siciliani

Vittoria in rimonta del Foggia, la terza consecutiva, al Barbera contro il Palermo a cui non basta il rigore di Nestorovski

Il Palermo ha perso la rotta giusta verso la Serie A. I siciliani dopo la sosta invernale non sembrano più gli stessi e il ko di questa sera in casa contro il Foggia, nel monday night della 25a giornata di campionato, non ha cambiato tale sensazione. Se nel turno scorso contro l'Empoli, coi rosanero travolti  per 4-0 da Caputo e soci, la squadra di Tedino non aveva quasi opposto resistenza, contro il Foggia ci si è messa di mezzo anche la sfortuna. Sta di fatto che il ko per 2-1 subito al Barbera, fa scivolare i siciliani al terzo posto in classifica, a meno tre dalle capoliste Empoli e Frosinone, con Cittadella e Bari cinque lunghezze dietro.

Per il Foggia invece è il terzo successo consecutivo, con i dauni che invece hanno giovato al massimo della sosta invernale e del mercato di gennaio, con tutti i rinforzi arrivati che hanno aumentato di gran lunga la qualità della rosa a disposizione del tecnico Giovanni Stroppa. I dauni sono saliti adesso a quota 31 punti in classifica, a più quattro sulla zona plauout e meno cinque da quella playoff. In pratica il bello della Serie B.

LA PARTITA - Sul fronte formazioni, 3-5-2 per entrambe le squadre. Nel Palermo Tedino preferisce Moreo a Trajkovski, con Coronado che parte mezzala ma può giocare anche da trequartista. Nel Foggia, invece, Stroppa si affida alla coppia Nicastro-Mazzeo. Il primo tempo del Barbera non regala troppe emozioni e primi 45 minuti di gioco che si chiudono a reti inviolate.

La ripresa si apre con un Foggia subito all'attacco e pericoloso in un paio di sortite offensive con Greco e soprattutto Loiacono che impegna Posavec costretto alla respinta. Ma è il Palermo a trovare l'episodio giusto per passare in vantaggio al 64': Coronado allarga sulla destra per Nestorovski, conclusione di sinistro che incoccia la mano di Loiacono e per Abattista è calcio di rigore. Dal dischetto è lo stesso attaccante macedone a fare 1-0 con un sinistro incrociato rasoterra. Ma poco dopo è Coronado a commettere una grande ingenuità, facendosi espellere per un intervento a piedi uniti su Gerbo al 69'.

Il Foggia si butta all'attacco e al 78' trova il pareggio con Duhamel: potente conclusione dal limite dell'area del francese, Posavec non è perfetto e fa 1-1. I dauni crescono e all'84' passano in vantaggio con un bolide dalla distanza di Kragl che, di sinistro, fulima Posavec dai 30 metri con una conclusione che si spegne sotto l'incrocio dei pali. Il finale di partita è molto teso, col Palermo che sfiora anche il 2-2 con Nestorovski all'87', ma l'incornata del macedone s'infrange sulla traversa. Finisce 2-1 per il Foggia dopo cinque minuti di recupero, per il Palermo ci sarà da riflettere.




News correlate

Torna su