Coppa Davis in Giappone. Bolelli e Fognini portano l'Italia sul 2-1

Il doppio azzurro ha sconfitto in quattro set a Morioka il duo giapponese. Domani gli ultimi due singolari

Coppa Davis in Giappone. Bolelli e Fognini portano l'Italia sul 2-1

L'Italia si è portata in vantaggio per 2-1 sul Giappone al termine della seconda giornata del World Group 2018 di Coppa Davis in corso di svolgimento sul veloce indoor della Takaya Arena di Morioka. Fabio Fognini e Simone Bolelli hanno sconfitto per 7-5 6-7(4) 7-6(3) 7-5 il duo nipponico composto da Ben Mclachan e Yasutaka Uchiyama, dopo tre ore e 37 minuti di gioco. Gli azzurri andranno in caccia del punto decisivo per la qualificazione ai quarti domenica 4 febbraio a partire dalle 4 del mattino quando ancora Fognini scenderà in campo contro il numero uno giapponese Yuichi Sugita. A seguire, Andrea Seppi sfiderà Taro Daniel.

COPPIA DI GRANDE INTESA
L'iniziale coppia azzurra doveva essere quella formata da Simone Bolelli e Paolo Lorenzi, ma capitan Corrado Barazzutti all'ultimo momento ha deciso di affidarsi al duo più collaudato formato dallo stesso Bolelli e da Fabio Fognini che nel 2015 aveva vinto gli Australian Open. Nel primo set, gli azzurri hanno salvato una palla-break al settimo gioco prima di andarsi a prendere il parziale per 7-6. Nella seconda frazione, un episodio al terzo gioco ha inizialmente condizionato: Fognini ha servito un'ottima prima, l'avversario ha risposto e a rete è intervenuto Bolelli che ha chiuso il punto, ma secondo il giudice arbitro Eva Asderaki, Fabio ha gridato “alè” prima che l'avversario colpisse la palla sulla volée vincente di Bolelli e ha chiamato palla disturbata regalando di fatto il punto e il break ai giapponesi. L'Italia ha riagguantato poi il Giappone sul 5-5 e a decidere il set è stato un tie-break vinto dai giapponesi per 7-4.

Ancora un tie-break ha fatto da epilogo al terzo parziale in cui gli azzurri non erano riusciti a sfruttare una palla break in avvio. Al "gioco decisivo", l'Italia è andata avanti prima 2-0, poi 5-2 e ha infine chiuso 7-3. Anche nella quarta e ultima partita, la sfida ha seguito la regola del servizio fino al dodicesimo gioco quando, sul servizio dei giapponesi, sono arrivati tre match-point per l’Italia: sul primo Fognini ha sbagliato di poco, ma sul secondo è stato un rovescio vincente di Bolelli a mettere fine alla sfida.

LO SPIRITO E' QUELLO GIUSTO
A fine match, come riporta il sito federale, Barazzutti ha commentato il successo azzurro: "Era un punto importantissimo e i ragazzi hanno giocato bene, risposto bene, e si sono espressi ad alto livello per tutto il match contro una coppia di specialisti. Come ieri abbiamo assistito a un vero match da Coppa Davis. Fabio e Simone hanno interpretato alla perfezione i valori di questa manifestazione. Questo è un gran bel gruppo e lo spirito è quello giusto. Ieri Fognini ha giocato con una certa pressione, portando comunque a casa il punto: oggi era più libero, più sciolto e sicuro. Quello di Bolelli è un recupero importantissimo e non solo per la squadra: Simone è un giocatore competitivo che può fare molto bene anche nei tornei".



News correlate

Torna su