Appuntamento con la storia per Federer: potrebbe tornare numero 1 dopo 5 anni

Il tennista svizzero potrebbe scrivere un’altra pagina incredibile nella storia del tennis, tornando sul tetto del mondo

Appuntamento con la storia per Federer: potrebbe tornare numero 1 dopo 5 anni

Roger Federer non vuole smettere di stupire. Dopo la vittoria del ventesimo Slam della carriera, conquistato agli Australian Open contro Mario Cilic, Re Roger vuole prendersi di nuovo lo scettro di numero uno del mondo. Il tennista svizzero sembra vivere una seconda giovinezze e insieme con il tennista maiorchino, si sta riprendendo la scena del tennis mondiale, facendo rivivere a tutti gli appassionati un remake delle passate indimenticabili stagioni.

Prima che tornasse ad essere nuovamente Re Roger, Federer aveva vissuto un periodo piuttosto negativo: da più parti si scriveva e si parlava di un tennista elvetico vicino a vivere le ultime fasi di una straordinaria carriera: il funerale sportivo di Federer era ormai stato già celebrato da molti, con Djokovic e Murray che sembravano destinati a dominare il tennis mondiale per diverse stagione. Federer però aveva (ed ha) ancora molto da dare e insieme a Nadal – complici i tanti problemi accusati da Djokovic e Murray – è  riuscito a riprendersi la scena, arrivando addirittura a conquistare il ventesimo Slam della sua leggendaria carriera.

Un altro traguardo da raggiungere: Federer può diventare il numero uno più anziano nella storia del tennis

Quella che è iniziata quest’oggi potrebbe rappresentare l’ennesima settimana storica nella carriera di Roger Federer. L’attuale numero uno del mondo infatti ha accettato una wild card per il torneo di Rotterdam, con un unico obiettivo ben chiaro in mente: scalzare Rafael Nadal dalla vetta del ranking mondiale e riprendersi il primo posto in classifica dopo 5 anni dall’ultima volta. Al momento Re Roger dista solo 155 punti dal numero uno del mondo e per scavalcare Nadal, avrebbe bisogno di raggiungere almeno la semifinale in Olanda: impresa di certo non impossibile, che consentirebbe al tennista elvetico di diventare il numero 1 più anziano nella storia del tennis.

Al momento infatti il primato resta nella mani di Andre Agassi che è stato numero 1 del mondo per l’ultima volta nel settembre de 2003, quando aveva 33 anni e 4 mesi. Anche l’attuale numero uno del mondo, Rafael Nadal31 anni e 8 mesi - ha fatto meglio dell’ultimo Federer capace di salire sul tetto del mondo nel novembre del 2012, quando aveva 31 anni e 2 mesi. Sulla strada tra Federer e la leggenda, c’è un tabellone non impossibile: per raggiungere il traguardo infatti, Re Roger dovrebbe affrontare Rubens Bemelmans, uno tra Karen Khachanov e Philipp Kohschreiber e probabilmente Stanislas Wawrinka, con il compagno di nazionale di Federer che non sta attraversando un buon periodo di forma e dunque, in questo momento, potrebbe rappresentare un avversario abbordabile. Se il tennista elvetico dovesse riuscire a centrare almeno la semifinale, tornerebbe in cima alla classifica ATP, in una posizione che Federer conosce molto bene: Roger infatti in passato ha conservato la prima posizione per 302 settimane – record assoluto davanti a Sampras e Lendl – in tre periodi storici distinti. Il teatro che farà da cornice al tentativo di Federer di entrare nuovamente nella storia del tennis sarà quello di Rotterdem, torneo nel quale l’attuale numero due del mondo ha collezionato 23 vittorie e 6 sconfitte.




News correlate

Torna su