La procura di Rio denuncia Djokovic: ecco cosa è successo

Il procuratore di Rio de Janeiro ha denunciato Novak Djokovic: i fatti risalgono ad un match di esibizione del 2012

Novak Djokovic in questi giorni si sta impegnando per recuperare al più presto da un’operazione subita al gomito destro: il rientro del tennista serbo dovrebbe avvenire non prima della stagione sulla terra rossa, ma nel frattempo l’ex numero uno del mondo ci ha tenuto ad informare i suoi tifosi – attraverso i social network – di essere al lavoro per rientrare il prima possibile, ringraziandoli per il supporto ricevuto.
Nel frattempo però, fuori dal campo, arrivano brutte notizie per il tennista serbo: secondo quanto riportato da “O’ Globo” infatti, il procuratore generale di Rio de Janeiro avrebbe presentato un’azione civile e pubblica contro l’ex numero uno del mondo per presunte irregolarità amministrative avvenute nel corso della visita che il giocatore serbo fece nella città brasiliana nel 2012: in quell’occasione infatti, Nole si recò a Rio per partecipare ad una partita di esibizione contro l’ex giocatore brasiliano Guga Kuerten che aveva come finalità quella di aprire una scuola di tennis per bambini.

Arrivano direttamente da Rio de Janeiro pesanti accuse nei confronti di Djokovic

La visita dell’ex numero uno del mondo in Brasile era stata organizzata da due società “Deki10” e “ADMA eventi”, anch’esse finite nel mirino del procuratore di Rio. Uno dei responsabili di “Deki10”, secondo quanto riferito da “O’Globo”, sarebbe l’ex calciatore serbo Dejan Petkovic, ex del Flamengo negli anni ’90. Secondo l’accusa dunque, queste due società si sarebbero appropriate dell’organizzazione dell’evento attraverso un’offerta irregolare, causando danni alle casse pubbliche brasiliane. L’importo che il Procuratore di Rio proverà a recuperare ammonta a quasi a 2,8 milioni di reais.
Due anni dopo la presenza di Djokovic a Rio per partecipare al match di esibizione, il governo della città brasiliana non aveva ancora versato nelle casse di Nole l’importo pattuito per quella partecipazione speciale – circa 1,6 milioni di reais – e lo stesso Kuerten si era lamentato per le mancanze del governo che non aveva onorato i suoi impegni. Va sottolineato inoltre come in quel momento, quando Djokovic si recò a Rio per affrontare la stella del tennis brasiliano, il serbo era il numero uno del mondo.

Di certo nei prossimi giorni il tennista serbo avrà modo di chiarire la sua posizione in merito alle accuse che arrivano dal procuratore di Rio de Janeiro. Nel frattempo però, tutti gli appassionati di tennis e i tifosi di Nole si augurano che Djokovic possa tornare in campo nel più breve tempo possibile, scrivendo nuove pagine della rivalità mai sopita con Federer e Nadal.

Djokovic, la carriera in un minuto



News correlate

Torna su