William Hill IT Italiano

Quanti infortuni, Nadal ancora ko: quale futuro per lo spagnolo?

Rafa Nadal è stato costretto al ritirro prima ancora di scendere in campo all'Atp 500 di Acapulco in Messico, ennesimo stop per lo spagnolo

Ancora uno stop, l'ennesimo infortunio per Rafael Nadal che ferma il rientro dello spagnolo in campo. Dopo il problema muscolare accusato nei quarti di finale degli Australian Open nel mese di gennaio, c'era attesa di rivedere in campo l'attuale numero due del mondo nel torneo ATP 500 di Acapulco in Messico. Però questo rientro non è diventato realtà per il maiorchino, dato che Nadal ha dovuto alzare bandiera bianca prima ancora di scendere in campo e affrontare il suo match di primo turno contro il connazionale Feliciano Lopez. Ancora uno stop, conseguenza dell'infortunio patito in Australia e ancora non del tutto riassorbito.

La speranza per Nadal è che non si tratti di una ricaduta, con lo spagnolo che durante l’ultimo allenamento ha sentito di nuovo dolore alla gamba destra e ha deciso di fermarsi. la diagnosi dell'infortunio subito agli Australian Open parlava di uno stiramento di primo grado al muscolo ileopsoas destro all’anca. Lo stop totale era stato stimato in circa due settimane, con rientra graduale agli allenamento e ritorno in campo ufficiale per Acapulco. Ma niente di tutto questo e adesso il nuovo infortunio.

I tempi di recupero, molto probabilmente out a Indian Wells e Miami

A sentire le parole di Nadal, la preoccupazione che si tratti di un nuovo stop a medio-lungo termine esiste: "Ho sentito che il muscolo mi pizzicava proprio nello stesso punto che mi aveva bloccato a Melbourne. I medici mi hanno suggerito di non giocare, l’infortunio avrebbe potuto diventare più grave, spero comunque non si tratti di nulla di serio anche se per capirlo dovremo fare altre analisi". Una tegola che non ci voleva per Nadal e anche per il tennis in generale. Infatti un suo recupero per Indian Wells, primo Masters 1000 della stagione su cemento, non appare probabile e il forfait potrebbe prolungarsi anche per l'altro 1000 di Miami.

Quanti infortuni per Nadal, la lista si allunga

La carriera di Nadal, negli ultimi anni, è stata costellata da tanti, troppi infortuni. Il logorio fisico a cui lo spagnolo si è sottoposto non è indifferente, ma tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018 gli infortuni in serie sono diventati già ben 6. Parliamo, prima di quello di Acapulco, dei forfait arrivati a Basilea, Parigi-Bercy, Atp Finals di Londra, Brisbane e Melbourne. Ginocchia, polso, tendini dei piedi, adesso anche problemi muscolari.

Per un Nadal che dopo gli Australian Open si era lamentato per i troppi problemi accusati da lui e anche da altri tennisti come Djokovic (possibili tempi di recupero), Wawrinka e Nishikori: "Ci sono troppi infortuni, occorre pensare anche alla salute dei giocatori. E nemmeno per ora che stiamo ancora giocando, ma c’è una vita anche dopo il tennis. Non so se continuando a giocare su queste superfici così dure, che cosa ci capiterà in avvenire con le nostre vite". Per Nadal, classe 1986 e 32 anni da compiere il prossimo 3 giugno, l'augurio vivo che possa mettere da parte i problemi fisici e regalare ancora tante "battaglie" sul campo da tennis.

Rafa Nadal, un 2017 da numero 1



News correlate

Torna su