Nadal come Wawrinka: salta Indian Wells e Miami. E Djokovic?

Dopo lo svizzero anche l'ex n°1 al mondo sarà costretto a una lunga pausa per recuperare il problema al ginocchio: c'è uno spiraglio per Nole

Ancora brutte notizie dal circuito ATP: dopo il forfait annunciato da Stanislas Wawrinka nella giornata di ieri, anche Rafa Nadal seguirà suo malgrado le orme del tennista elvetico a causa del problema muscolare lamentato nei quarti di finale degli Australian Open contro il croato Marin Cilic. Da allora lo spagnolo ha provato a fare ritorno sui campi da tennis, ma la lesione di primo grado al muscolo Psoas riportata nel primo Grande Slam stagionale non gli ha dato pace facendolo ritirare recentemente dal torneo di Acapulco. Inizio di 2018 da incubo dunque per il maiorchino, che da poco tempo ha perso lo scettro di numero uno del mondo in favore di Roger Federer e adesso si vede costretto ad annunciare il suo ritiro da Indian Wells e Miami, i primi due Masters 1000 del nuovo anno in programma nelle prossime settimane.

NADAL OUT A INDIAN WELLS E MIAMI COME WAWRINKA

"Purtroppo l'infortunio sofferto ad Acapulco prima di iniziare il torneo è localizzato nella stessa area di quello sofferto a Melbourne - si legge nella nota sulla pagina Facebook ufficiale di Nadal, che a Indian Wells ha vinto nelle edizioni 2007, 2009 e 2013, mentre a Miami ha perso tutte e cinque le finali disputate -. Devo recuperare e non potrò giocare Indian Wells e Miami. E' stato molto doloroso ritirarmi da Acapulco e anche non giocare negli Stati Uniti è molto dura. Mi mancherete e farò di tutto per tornare nel 2019. Grazie".

Dichiarazioni pesante quelle di Nadal, che dunque conta di saltare la prima parte della nuova stagione tennistica (almeno fino alla terra rossa) per risolvere completamente dall'infortunio rimediato al ginocchio. Ovviamente tutto ciò avrà ripercussioni sul Ranking Atp dello stesso, che saltando gli appuntamenti in California e Florida si vedrà sottratti ben 690 punti (90 a Indian Wells, 600 per la finale dello scorso anno a Miami) dalla classifica generale. Così facendo aumenterà inevitabilmente il distacco con il rivale di sempre Federer, diventato il più anziano primatista di sempre nella storia della racchetta. King Roger avrà dunque la possibilità di mantenere lo scettro fino al prossimo Wimbledon, dove sarà chiamato a difendere gran parte del suo punteggio (4.680).

DJOKOVIC SULLA VIA DEL RIENTRO, C'È UNO SPIRAGLIO 

Suo padre Srdjan aveva auspicato un rientro nel torneo di Madrid, a poche settimane dall'inizo della stagione sulla terra rossa. A un mese dall'operazione post infortunio però si apre un piccolo spiraglio per il pronto recupero di Novak Djokovic in vista del primo Masters 1000 stagionale in programma in California: "Devo superare ancora un controllo medico: dovesse andare tutto bene, potrei addirittura giocare Indian Wells", ha affermato speranzoso Nole ai microfoni dopo aver negato un coinvolgimento nell'organizzazione della nuova Coppa Davis, completamente riformata a partire dal 2019. Gli allenamenti sotto l'occhio vigile di coach Andre Agassi proseguono e potrebbero portare a un inaspettato rientro lampo del serbo che potrebbe fare felici tutti i tifosi. Uno spiraglio che dopo mesi e mesi di problemi fisici potrebbe riconsegnare uno dei talenti più cristallini dello sport della racchetta.

Nadal racconta: "L'anno scorso qui in Australia..." (VIDEO)



News correlate

Torna su