Miami Open 2018, Djokovic pronto al ritorno tra i top: "Non ho più dolore"

Il tennista serbo ex n.1 del mondo ha finalmente smaltito completamente dall'infortunio al gomito patito dopo Wimbledon: la Florida attende

È dal luglio scorso che tutti gli appassionati e i tifosi di tennis aspettavano con ansia questa notizia: Novak Djokovic è finalmente pronto a tornare per dare spettacolo tra i più grandi campioni della racchetta. Dopo un calvario lungo quasi otto mesi il campione serbo ha smaltito completamente dall'infortunio al gomito patito a Wimbledon durante i quarti di finale del torneo londinese contro Tomas Berdych, e dunque si accinge a disputare per la prima volta dopo tanto tempo un torneo lontano da indisposizioni fisiche (e l'operazione dello scorso febbraio). Lo farà in Florida in occasione del secondo Masters 1000 stagionale in programma sui campi in cemento del Tennis Center di Key Biscayne: il Miami Open 2018.

DJOKOKVIC PRONTO AL RIENTRO TRA I TOP

A tranquillizzare tutti sulle sue condizioni dopo l'apparizione poco brillante a Indian Wells – qui Nole venne eliminato con grande sorpresa al primo turno dal giapponese e numero 107 del ranking Taro Daniel – è proprio Djokovic, tramite delle dichiarazioni che faranno piacere ai suoi supportes, un po' meno agli avversari che lo incroceranno sul campo da gioco dell'East Coast. "È da due giorni che gioco senza doloreÈ rinfrescante perché per tutto il tempo il dolore c'era. Per la prima volta dopo anni, mi sono potuto concentrare sul tennispiuttosto che essere preoccupato se avessi dolore o meno", ha affermato Novak in conferenza stampa.

A dimostrare la rinascita post infortunio la volontà da parte del sei volte campione di Miami di partecipare anche al torneo di doppio che lo vedrà in coppia con il connazionale e amico Victor Troicki. La sensazione è che il 30enne di Belgrado potrà finalmente giocare dando il meglio di sé dopo un periodo buio che tutti i grandi professionisti vivono almeno una volta in carriera: "Ho imparato tanto su me stesso. È stata una benedizione aver attraversato questo. Ho avuto tanto successo in questo sport negli ultimi 6-7 anni e ne sono grato. Ma ho dovuto affrontare circostanze e situazioni diverse, inedite. Fin da quando ho iniziato a giocare a tennis a livello professionistico, sono sempre andato nella direzione giusta, ma poi le cose sono cambiate. Ho dovuto capire delle cose, come andare avanti, avere ispirazione ed essere il meglio possibile".

VENERDÌ IL DEBUTTO IN FLORIDA

Adesso mancano solo una manciata di ore prima del suo rientro: Djokovic esordirà infatti nella sessione diurna di venerdì prossimo contro il vincitore della sfida tra Mischa Zverev e Benoit Paire, di certo avversari di tutto rispetto. Nole lo farà senza il supporto di coach Agassi (che il più delle volte lo accompagna in occasione degli Slam) e Stepanek, con quest'ultimo ritornato in Repubblica Ceca per motivi personali. Una grande occasione per ripartire come sempre solo contro tutti gli altri in compagnia dei suoi agenti e del neo fisioterapista, David Daglow.

Agassi: "Djokovic può tornare al top" (VIDEO)

Le parole di coach Agassi sul possibile rientro al top della condizione di Novak Djokovic.



News correlate

Torna su