Miami Open, Federer dopo la sconfitta con Kokkinakis: "Non giocherò sulla terra"

Dopo l'inaspettato ko all'esordio con l'australiano Kokkinakis l'elvetico annuncia che non ci sarà sulla terra rossa: salterà il Roland Garros

Una giornata decisamente no, tramutatasi in una sconfitta inaspettata quanto amara al debutto nel secondo Masters 1000 stagionale, il Miami Open. Roger Federer saluta anticipatamente il cemento del Tennis Center di Crandon Park (Florida), finendo sconfitto in tre set all'esordio dall'australiano Thanasi Kokkinakis, capace di realizzare una vera e propria impresa sfruttando anche lo stato di forma non al top dell'avversario.

A 36 suonati è normale che si abbia bisogno di più tempo per recuperare, soprattutto all'indomani di una finale (quella di Indian Wells persa contro Juan Martin Del Potro) combattutissima e dispendiosa in termini di energie. Re Roger ne è conscio, e proprio per questo ha annunciato di doversi prendere un periodo di pausa per ritornare al meglio in vista della stagione sul verde.

FEDERER RINUNCIA ALLA TERRA ROSSA E AL ROLAND GARROS

Da qui la necessità dello stesso Roger Federer di comunicare, nella classica conferenza stampa al termine di ogni match, la decisione di rinunciare agli imminenti appuntamenti sulla terra rossa, compreso l'atteso Grande Slam francese: il Roland Garros. Una decisione che non farà sicuramente piacere a tutti i tifosi che avrebbero voluto ammirarlo sui campi in "rosso", ma che non avranno l'opportunità di farlo.

"Non mi sono sentito bene per nulla oggi, i miei movimenti non funzionavano - ha annunciato ai microfoni Federer -. È tutta la settimana che non gioco bene, ora avrò tempo per capire il perchè. Sembrava volesse regalarmi il game all’inizio del secondo set, solo che io non sono riuscito a prenderlo; poi ho avuto quel passaggio a vuoto in cui ho preso il break che mi è costato il set e probabilmente il match. Alla fine lui è stato un po’ meglio di me, probabilmente più rilassato, mentre io ho passato tutta la partita a cercare il mio tennis, senza trovarlo".

"Ho deciso che non giocherò sulla terra", parole inequivocabili quelle del campione di Basilea. "Ora ho un po' di tempo per capire come stanno le cose. E' stato importante tornare numero uno a Rotterdam, tenerlo ora o tornarci durante la stagione non è importante. Farò una pausa, mi allontanerò da tutto e tornerò poi sul campo di allenamento per lavorare dando il 100 per cento".

RITORNO AD HALLE PER ROGER

Una decisione importante quella presa da King Roger in modo da preservare il suo fisico per gli appuntamenti futuri. Per tre mesi dunque non assisteremo alle se gesta sul rettangolo di gioco. Ma a quando il rientro dello svizzero? Come un anno fa il prossimo torneo sarà con molta probabilità nell'ATP 500 di Halle, anche se un rientro anticipato a Stoccarda non è da escludere. Appuntamento quindi nella seconda metà di giugno, con l'elvetico che avrà comunque la possibilità di ritrovare il primato mondiale consegnato di fatto a Nadal (fermo per infortunio) con la sconfitta a Miami.

A Miami si rivede la Radwanska, Halep ko in tre set (VIDEO)

Grande affermazione della Radwanska ai danni della numero uno al mondo, la rumena Simona Halep che saluta così Miami.



News correlate

Torna su